Termoli: cittadella fortificata
      Un'arcipelago di poche isole: San Domino, San Nicola, Capraia e Cretaccio le principali.

Trabucco da pesca       Uno dei pochi viaggi che faccio in auto: non mi piace guidare, specie in una regione dove decine di strade iniziate e mai terminate confondono le idee e fanno perdere l'orientamento persino al GPS.
       GiÓ Termoli, dove faccio tappa per l'imbarco, Ŕ una cittadina simpatica, con una fantasiosa viabilitÓ ed una cittadella vecchia, sopra il porto, fortificata e molto interessante. Allevamento di bufali nella piana garganica Attorno giÓ le avvisaglie della piana garganica, con le immense distese piatte e numerosi allevamenti di bufale per la produzione delle celebri mozzarelle.

San Domino l'attracco: il Cretaccio di fronte e San Nicola sulla destra.        Infine, un rapido traghetto in neppure un'ora mi trasporta a San Domino. GiÓ appena sbarcati si ha il panorama delle isole: San Nicola Ŕ di fianco, imponente sul mare con il suo castello-convento, di fronte il Cretaccio, l'isola di argilla che ad ogni pioggia se ne scioglie un po', alle spalle la stradina a tornanti che si arrampica in mezzo alla pineta, fino a dove c'Ŕ il piccolo paese (?).
San Domino: Cala di Spido
       Ma dall'alto dell'isola non si vede assolutamente nulla, si Ŕ troppo lontani dalle coste a strapiombo, l'unica Ŕ fare il giro dell'arcipelago con una delle tante barche di pescatori adattate al turismo. Ed allora si possono vedere scogli, faraglioni, falesie, grotte ed insenature, c'Ŕ n'Ŕ per tutti i gusti.
Scogli, faraglioni, grotte, falesie, ecc. ecc.        Poi Ŕ d'obbligo prendere il piccolo traghetto, portato da un curioso personaggio simil jamaicano con treccine e berettone di lana multicolore (?), ed andare a visitare l'altra isola in ordine di grandezza, San Nicola, con il suo convento fortificato.
       Certo che le Tremiti sono piuttosto difficili da apprezzare da terra, le coste a strapiombo costringono il turista a utilizzare quasi sempre delle barche.
Il sottoscritto che ansimando sale i tornanti per San Domino paese.
       Quindi, tanto vale stabilirsi vicino all'imbarcadero, dove vi sono ottimi alloggi e trattorie, e da li contattare i pescatori locali, partendo ogni giorno per un nuovo posto o una nuova isoletta. Ma ricordatevi di accordarvi per il ritorno, se non volete esser dati per dispersi !
La spiaggetta di fianco all'imbarcadero: la base ideale per una visita alle Tremiti.

Index  Io Abitazione Elettronica  OM Software  Freeware  Shareware Fotografia Viaggi Appunti