http://spaziolibero.inwind.it/napolissimo


 La Storia.

 Periodo 1904 - 1926 - La Preistoria

 1904
Anche se la fondazione del Napoli risale al 1/8/1926, le prime notizie sul calcio partenopeo, seppur molto lacunose, risalgono alla fine del 1800 per opera, essenzialmente, di alcuni marinai inglesi che, sbarcati a Napoli, diedero vita ad incontri dal sapore assolutamente amichevole.
Fu infatti nel 1904 per opera di due inglesi, Mr. Potts e Mr. Bayon, che fu fondato il "NAPLES FBC". I due associarono anche i napoletani Conforti, Salsi e Catterina; Presidente fu nominato il Sig. Salsi da cui prese il nome la "COPPA SALSI" primo trofeo (cittadino) vinto dal Napoli. La divisa era azzuro-celeste a strisce verticali su calzoncini neri.

 1911
Nel 1911 il "NAPLES FBC" si scisse in due tronconi: il "NAPLES" e l'"UNIONE SPORTIVA INTERNAZIONALE" con presidenti alternativamente i Sigg. Stolza e Barbati; la maglia era blu scuro con macchia bianca. L'esordio avvenne il 27/10/1912 con una vittoria per 3 a 2 sulla romana "ROMAN".
Il Naples, trasferitosi al campo di Agnano, sotto la guida del Presidente Emilio Anatra vinse a Roma la "Coppa NOLI da COSTA" battendo la Roman e la livornese "Virtus Juventus".

 1913-15
Ebbero così inizio, in questi anni, le prime sfide cittadine tra il Naples e l'Internazionale; dal 1913 la vincitrice del Girone campano ebbe accesso alla finale, da disputarsi con la vincitrice del girone laziale.

 1919-22

Questi furono gli anni della rivalità tra le due principali formazioni cittadine; ma ben presto, vennero alla ribalta anche altre compagini come Pro Caserta, Pro Napoli, Puteolana, Audace, Bagnolese, Salernitana e Savoia (quest'ultima fu l'unica squadra campana a giungere alla finalissima per il titolo nazionale). Nel 1920/21 il Naples subentrò alla Puteolana squalificata e, nel girone interregionale, giunse 2^ davanti alla Lazio che aveva tra i pali nientedimeno che Fulvio Bernardini. Nel 1921 e nel 1922 l'Internaples, per motivi oggi sconosciuti, subentrò al Savoia nelle finali del girone sud.

 1922-24
Il Cav. Emilio Reale (Presidente dell'Internazionale) nel 1922 fu fautore e realizzatore della fusione con il Naples dando vita all'INTERNAPLES, che adottò la maglia azzurra bordata di celeste. Campo di gioco fu Agnano.

 1924-26
Nel campionato 1924/1925 il Savoia, vincitore sia del girone campano che di quello meridionale, approdò alla finalissima con il fortissimo Genoa pareggiando in casa 1-1 e subendo una onorevole sconfitta per 1-3 in quel di Genova. Fu così vice-campione d'Italia. Nel 1925 Giorgio Ascarelli fu nominato per acclamazione Presidente dell'Internaples, dando per la prima volta un'impronta manageriale alla società. Le prime operazioni furono quelle di nominare direttore tecnico Carlo Carcano (aveva avuto già esperienze tra Novara, Alessandria, Casale e Vercelli) e portare in squadra i calciatori Giovanni Ferrari (futuro campione mondiale) e Attila Sallustro.


 pagina successiva (1926-1936)