Luigi
De Bellis

 


 HOME PAGE 
  
Opere riportate:

     
 

Ciascuno a suo modo

 
 

Come tu mi vuoi

 
 

Così è (se vi pare)

 
 

Enrico IV

 
  I giganti della montagna  
  I vecchi e i giovani  
  Il berretto a sonagli  
  Il fu Mattia Pascal  
  Il giuoco delle parti  
  L'esclusa  
  Liolà  
  L'umorismo  
  Novelle per un anno  
  Pensaci, Giacomino!  
  Quaderni di Beniamino Gubbio, operatore  
  Questa sera si recita a soggetto  
  Sei personaggi in cerca d'autore  
  Uno, nessuno e centomila  

 





Luigi Pirandello



PENSACI, GIACOMINO!: Commedia in tre atti


«Pensaci; Giacomino! fu scritta fra la fine di febbraio e i primi di marzo del 1916 per Angelo Musco. È il primo testo di Pirandello concepito per la scena siciliana. Il testo originario della commedia bilinque, destinato a Musco, non fu mai pubblicato dall'Autore, né se ne è rintracciato l'autografo»: cosi Alessandro d'Amico, curatore dell'edizione critica delle Maschere nude. Del testo dialettale si conservano tuttavia due copioni manoscritti di mano di Giuseppe Murabito, suggeritore e copista della Compagnia di Angelo Musco. La prima rappresentazione avvenne il 10 luglio 1916, al Teatro Nazionale di Roma. La versione in lingua italiana comparve sulla rivista «Noi e il Mondo». Seguirono altre ristampe con vari rimaneggiamenti.

La commedia, ricavata dall'omonima novella pubblicata sul «Corriere della sera» del 23 febbraio 1910 e inserita nella raccolta La giara, è ambientata in una «cittaduzza di provincia» Nel primo atto il settantenne professor Agostino Toti, insegnante di storia naturale nel locale ginnasio, prima di ritirarsi in pensione, ha deciso di prendere moglie per mettere fine alla sua lunga solitudine. Infatti per lui l'unica compagnia è la propria ombra, ma precisa: «A casa, il sole non c'è, e non ho più con me neanche la mia ombra». Se il magro stipendio di insegnante non gli ha consentito prima di mantenere una famiglia, ora da vecchio vuole scegliersi una moglie giovane per obbligare il governo a pagare la pensione non soltanto a lui per i pochi anni di vita che gli restano ma, dopo la sua morte, anche alla moglie. L'attenzione del professor Toti cade su Lillina, sedicenne figlia del bidello Cinquemani, il quale è onorato della scelta, senonché Lillina è stata sedotta da un ex alunno del professore, Giacomino Delisi, un giovane «scioperato», e ora attende un figlio. L'incresciosa circostanza sembra compromettere il progetto del vecchio; ma, poiché il bidello scaccia la figlia disonorata, il professor Toti soccorre la ragazza accogliendola in casa sua.

Nel secondo atto il professore ha sposato Lillina ed è nato il bambino Ninì, su cui Toti riversa un affetto di padre, anzi di nonno, dal momento che il padre naturale, Giacomino, frequenta liberamente Lillina che potrà sposare quando sarà vedova. Intanto, per un'insperata eredità lasciatagli dal fratello morto in Romania Agostino Toti è diventato ricco, ha depositato il denaro nella Banca Agricola cittadina e come maggiore azionista ha potuto impiegarvi Giacomino. La serenità regnerebbe nella particolare famiglia del professor Toti, se le malelingue del paese non la insidiassero. Portavoce del pettegolezzo cittadino è il direttore del ginnasio, il cavalier Diana che chiede a Toti di porre fine allo scandalo che investe l'istituzione scolastica, mettendosi finalmente a riposo. Ma il professore non sente ragione e accetta «la guerra» con tutto il paese maldicente. Un'altra ombra è venuta però a oscurare la felicità familiare. Lillina sta male perché da tre giorni Giacomino non viene a trovarla. La sorella maggiore di Giacomino, Rosaria Delisi, bigotta e bacchettona, «ha messo sossopra tutta la gente di chiesa sacerdote per sacerdote», per sottrarre il fratello alla situazione irregolare. Il prete don Landolina si reca in casa del professore e con parole melliflue gli chiede di rilasciare alla sorella di Giacomino - che è riuscita a convincere il fratello a non frequentare più Lillina - un «piccolo attestato» sulla infondatezza di tutte le dicerie. Il professore rassicura il sacerdote.

Nel terzo atto Toti, con il piccolo Ninì per mano, si reca in casa Delisi per mettere Giacomino di fronte alle sue responsabilità. Il giovane si lascia sfuggire di essersi fidanzato; allora il vecchio «vacilla, come per una mazzata, sul capo» e per un momento cede allo sconforto, ma poi lo ammonisce: «Io sono buono, ma appunto perché sono così buono, se vedo la rovina d'una povera donna, la rovina tua, la rovina di questa creaturina innocente, io divento capace di tutto! Pensaci, Giacomino!». E minaccia il giovane di farlo licenziare dalla banca e di presentarsi con il bambino in casa della fidanzata, per scuoterne la coscienza. Giacomino prova a protestare, ma il vecchio prende Ninì «e glielo appende al collo. Giacomino non resiste più; lo abbraccia; lo bacia sulla testa» e, rivolto alla sorella, dice: «Non posso più sciogliermi, Rosaria! Lasciami andare!». Al padre Landolina - che è presente alla scena e si interpone gridando: «Giacomino, io credo...» - il professor Toti ribatte, zittendolo: «Che crede? Lei neanche a Cristo crede!».

Alla prima rappresentazione, il pubblico romano fu coinvolto dallo scioglimento patetico dell'azione, superando l'iniziale disagio per l'«immoralità» della vicenda, che già aveva scandalizzato nel 1910 i lettori della novella pubblicata dal «Corriere della sera». II giudizio della critica, che assegnò la commedia al genere «grottesco», fu in complesso positivo. Lo spettacolo ebbe tre repliche consecutive a Roma e sette a Milano; in sei mesi l'autore ne ricavò più di 2000 lire. Il testo siciliano ebbe il suo protagonista naturale in Angelo Musco, che nel 1936 ne interpretò un adattamento cinematografico di Guglielmo Giannini, diretto da Gennaro Righelli. La versione in lingua (rappresentata al Teatro Valle di Roma il 25 aprile 1932) ebbe invece come interprete esemplare Sergio Tofano, che diede al professor Toti le sembianze argute dell'autore. Importante è stata l'interpretazione di Salvo Randone, che dal 1975 legò il suo nome a quello del protagonista per più stagioni teatrali.

Il rapporto fra la novella originaria e la commedia è stato così precisato da Gaspare Giudice: «Nella commedia, la condanna morale, da elemento secondario, si fa argomento principale. Pensaci, Giacomino! diventa una rappresentazione dell'ipocrisia della società e del vittorioso battersi di un piccolo eroe contro di essa».

 

HOME PAGE


Copyright 2002 Luigi De Bellis.
Webmaster: letteratura@tin.it